Dopo dieci anni bui Longo lascia l'Inter, va al Deportivo

Dopo dieci anni e tanti promesse mai mantenute, Samuele Longo lascia l'Inter definitivamente e va in Spagna al Deportivo La Coruna. Dopo nove prestiti, questa volta la cessione temporanea prevede obbligo di riscatto. Di fatto, quindi, una cessione a titolo definitivo.

Il giocatore è sicuramente un talento mai esploso o che ha ingannato davvero molti addetti ai lavori. Classe 1992, si trasferisce all'Inter nel 2009 dal Treviso, completando il suo percorso di formazione in Nerazzuro e con esperienze al Piacenza e al Genoa. Nel 2012 l'anno d'oro. Vince da protagonista la NextGen Series con l'Inter Primavera di Stramaccioni, la competizione era una sorta di Youth Champios League. Con lo stesso tecnico, promosso in prima squadra, nello stesso anno arriva il debutto in prima squadra ad appena 20 anni. Nel frattempo Longo svolge tutto il percorso delle Nazionali giovanili, Under 19, Under 20 e Under 21, finendo anche nella lista dei migliori giocatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balon.

Dopo l'esordio nel 2012 con la maglia dell'Inter, arriva però una rapida e inesorabile discesa. Il giocatore viene dato in prestito a 9 squadre in 7 anni tra Spagna e Italia, senza mai esplodere davvero. Nel complesso collezionerà 42 presenze e 4 gol in Liga, 48 presenze in Serie A senza gol, 56 presenze e 26 reti nella Segunda Division spagnola, 4 presenze senza gol in Serie B. Male anche nelle Coppe Nazionali, visto che tra Spagna e Italia ha giocato 11 volte e messo a segno 3 reti. Adesso l'arrivo al Deportivo, che lo riporta nell'unico Campionato dove abbia lasciato il segno, la Segunda Division.

Di seguito la nota pubblicata dal club nerazzurro:

"FC Internazionale Milano comunica il trasferimento alla società spagnola R.C. Deportivo La Coruna di Samuele Longo. L'attaccante classe 1992 si trasferisce a titolo temporaneo annuale con obbligo di trasformazione della cessione in definitiva".

 
 

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement