Il Napoli non molla : manda in serie b il Chievo e rientra a Napoli con serenità

Il Napoli arriva a Verona sapendo due cose : la prima è che se vince, il Chievo è matematicamente retrocesso, la seconda è che la Juventus dovrà ancora attendere.

Al centro del ragionamento di Ancelotti che lo porta a mettere in campo un albero di natale di vecchia memoria , c'è sicuramente il recuperare l'animo e un po' il gioco, prima dell'importante partita infrasettimanale al San Paolo contro l'Arsenal.

Pronti e via è un Napoli diverso che imposta il gioco e tiene d'occhio il polacco Stepinski.

Ma gli azzurri passano in vantaggio dopo una bellissima percussione di Ruiz che si guadagna un angolo dal quale Kalidou segna mettendosi alle spalle l'ultima prestazione Inglese.

Due occasioni perse per il Napoli una di Chiriches che di testa in area di rigore svirgola malamente e la seconda con un inserimento Centrale zielinski- Ruiz con cross e un Milik che mette sopra la traversa.

Sembra un Napoli più rilassato e messo in campo con molta più logica rispetto alle ultime partite.

È più un gioco di squadra con palloni recuperati e poche individualità degli attaccanti.

La prima azione del Chievo arriva al '34 con un un cross al centro di Depaoli.

Al '35 il Chievo guadagna un calcio d'angolo guadagnato da Stepinski su chiusura di Koulibaly.

Dagli sviluppi nessuna impressione e Ospina la fa sua .
Primi quaranta minuti a senso unico per un Napoli che gioca di testa.

Primo tiro in porta per Lorenzo Insigne , il suo destro a giro viene deviato e finisce in calcio d'angolo

Il Chievo si fa vedere in avanti al '44 un'azione Giaccherini Stepinski ma senza grandi risultati.

Capovolgimento e Ruiz da fuori aria tenta un sinistro a giro che mette paura a Sorrentino.

Finisce un primo tempo con un predominio totale dei partenopei.

I primi cinque minuti del secondo tempo non regalano grandi emozioni sennò qualche sbavatura nella difesa azzurra senza provocare danni.

È un Napoli che nel secondo tempo pressa di più e limita il Chievo a ripartire da dietro.

Il primo tiro nello specchio del Napoli, il Chievo lo produce con Meggiorini al '53 senza creare problemi ad Ospina.

Calcio di punizione per il Napoli dalla destra, siamo al 60 e il Napoli guadagna un'altro angolo .

Accelerata di Insigne sottoporta Milik non la manda dentro.

62 minuti di gioco e la musica non cambia, un Napoli concentrato a centrocampo con un tridente che oggi non dialoga alla perfezione.

Azione dalla destra, la palla arriva al polacco Milik che con un sinistro a giro la mette dentro.
80 presenze, 20 gol stagionali di cui 17 in campionato.
Al 64 Chievo 0 Napoli 2!

Al '67 fuori Insigne dentro Allan.

Palla persa del Chievo, contropiede Mertens per calleon che a volo trova i guanti di un piazzato Sorrentino.

Al 72 seconda sostituzione fuori Ruiz dentro Amin e cambio per il Chievo fuori Meggiorino dentro Grubac.

ll Napoli cerca delle accelerazione sulla destra senza creare grandi risultati, passaggi , palleggi e fraseggio : al 79 il Napoli è già con la testa al San Paolo.

Azione di Amin in area di rigore che passa a Calleon che tira e guadagna un angolo.

Ultimi cambi fuori Calleon e dentro Verdi.

Calcio d'angolo per il Napoli palla che arriva a Koulibaly che di sinistro segna la doppietta e mercato i suoi 10 goal in Serie A!
Dopo 81 minuti il Napoli è sul risultato di 3 a 0!

È un Napoli che non si ferma e attacca guadagnando un'altro corner, sembra ormai scritto il destino del Chievo ma Sorrentino dice no al goal di Mertens.

Al 90 il Chievo segna con Cesar con colpo di testa da calcio d'angolo.

Il Napoli vince al Bentegodi dopo un'astinenza di due anni.

La 32esima giornata regala imprese individuali :10 goal per Kalidou, 20 goal stagionali per Milik.

Si vola al San Paolo a pancia piena con la grande opportunità  di proseguire il sogno Europa League.

COMMENTI
Commenta

NEWSLETTER

Ricevi ogni settimana un'inchiesta e tanto altro