Cominciano le Finals di NBA

Bisognava aspettare solo gli ultimi verdetti di questa notte. Verdetti che hanno lasciato un po' di amarezza, soprattutto dalle parti di Philadelphia, candidata alla vittoria finale della Conference. 

Ma vediamo in dettaglio chi sono le 4 finaliste. 

OVEST. La prima è Golden State: la squadra della Baia, dopo il 4 a 2 sui Clippers nel primo turno, ha avuto non pochi problemi in semifinale contro Houston. Tra screzi, conferenze postgame al veleno sugli arbitri, soprattutto in gara 3 dove i texani si lamentavano dei falli non fischiati ad Harden, nella partita decisiva, i ragazzi di coach Kerr hanno dovuto fare a meno anche di Kevin Durant ma nonostante questa pesante assenza, Curry e co. portano a casa il risultato, accedendo alla finale: superlativa la prova del numero 33 dei gialloblù che dopo un primo tempo anonimo (0 punti in 21 minuti) è salito sugli scudi piazzando 33 punti nel solo secondo tempo. Impressionante anche la prova di Thompson che continua a migliorare la sua personale statistica da 3 nei playoff: ora ha una media del 61%.

La seconda finalista è Portland che nella notte batte Denver in gara 7 grazie ad una sontuosa prova di CJ Collum: 37 punti a referto e soprattutto 9 rimbalzi, di cui più della metà offensivi. Il sogno di Denver si infrange sulla difesa perfetta di Portland che dopo il 4 a 1 sui Thunder, era una delle candidate alla finale di Conference. Parte sicuramente svantaggiata, ma la coppia Collum – Liliard è pronta a dare spettacolo.

EST. Coerentemente con il percorso nella Regular Season, la prima finalista ad Est è Milwaukee: i Bucks appaiono la squadra più in forma, grazie soprattutto ad Antetokounmpo che in questa seconda fase, viaggia su medie altissime (75% da 2 e 58% a rimbalzo, giusto per citarne qualcuna). I Bucks sono reduci da un 4 a 0 su Detroit ma soprattutto da un 4 a 1 su Boston, una delle franchigie più quotate alla vittoria finale. Ritorna a pieno organico Pau Gasol, abituato già a giocare questo tipo di partite.

Toronto completa il quadro delle finali. Partita tiratissima quella di ieri notte contro Philadelphia ma a spuntarla sono stati i canadesi grazie ad un tiro sulla sirena di Leonard che manda i Raptors in finale di Conference. Sixers mai concreti e con alcuni giocatori sottotono, come Embiid autore solamente di 13 punti. Toronto abile anche a sfruttare le amnesie difensive degli avversari, soprattutto Butler, reo di non aver chiuso il tiro di Leonard per il 92 – 90 finale.

Tags

NBA
COMMENTI
Commenta

NEWSLETTER

Ricevi ogni settimana un'inchiesta e tanto altro