La Cronaca / Cinema

Chernobyl: l'impotenza dell'uomo dell'epoca è quella dello spettatore

Non si tratta di un dramma o di una serie horror, ma non è un documentario a tutti gli effetti: l'orrore non viene mai esasperato e la narrazione è sempre molto lucida. Prodotto in America dall'HBO, la stessa di Trono di spade, la serie Chernobyl è stata acquistata da Netflix in Italia.

Come si evince dal titolo è incentrata sulla catastrofe nucleare accaduta nel 1986 nell'omonima cittadina. Il target a cui mira non è il grande pubblico, ma piuttosto una nicchia appassionata di storia e di documentari. Infatti il realismo è uno degli aspetti più apprezzati dei 5 episodi che la compongono. La storia segue le avventure del vicedirettore dell'istituto di energia atomica e del capoufficio che sono mandati sul luogo del disastro senza sapere quasi nulla. Nell'URSS dell'epoca la politica era molto restrittiva e si osserva la vita delle singole persone e della collettività con una precisione quasi storica. All'interno delle puntate sono inseriti filmati originali, ma il trucco, i costumi e la scenografia sono il punto forte di Chernobyl.

Al momento della fatidica esplosione anche lo spettatore, come i protagonisti, viene innanzitutto rapito dalla bellezza estetica delle esplosioni. Solo nel tempo si comincerà a ragionare sulla vera minaccia: le radiazioni. Per i primi quattro episodi, i protagonisti non sanno quello a cui stanno andando incontro, ma essendo una serie storica, lo spettatore ne è a conoscenza, e questo è uno degli aspetti più macabri, il dramma nel dramma.

Il tema politico viene sviscerato in tutte le su sfaccettature: i ricchi e i potenti riescono sempre a manipolare i poveri che restano nell'ignoranza. Chernobyl dimostra come la verità, ai tempi dell'URSS, fosse soggetta alla politica.

Gli interpreti e il regista fanno un lavoro eccezionale, mostrando come da piccoli gesti, dal respiro, dallo sfioramento delle mani, si stiano trasmettendo una condanna a morte certa.

Il limite della catastrofe è proprio l'impotenza davanti ad un nemico invisibile, le radiazioni.

Un'aspetto curioso della serie è che viene dal creatore di Scary Movie e Una notte da leoni, due film comici.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Corriere della Campania senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. Per coprire i costi del Corriere della Campania e pagare tutti i collaboratori e per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo. Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana. A breve potrai fare la tua donazione. Grazie

commentA

Leave a reply

Message *

Name *

Email *

advertisement
advertisement